mercoledì 24 aprile 2013

Vanity - "Occult You" Quando la forma incontra la sostanza....

Vanity

A cura di Nana Arima

Si chiamano Vanity, sono in quattro e provengono da posti tutti diversi: N (cantante) è originario di Gaza (Palestina), un appassionato di occulto e cultura occidentale; F (bassista) è svizzero, severo ed austero come la musica che produce; P e T invece vivono in una comune sui colli toscani, lontani da questo mondo moderno e frenetico a cui siamo abituati. Si incontrano per caso e in attimo e con estrema naturalezza creano il gruppo a cui segue il disco: “Occult You

Nasce tra dicembre 2011 e febbraio 2012. Il tutto avviene in completo isolamento e con la produzione di Lorenzo Montanà. Il concept è ispirato al romanzo mai pubblicato di N che s’intitola appunto Occult You ed è un racconto drammatico intriso d’amore e sofferenza al cui centro vi è un eroe di guerra che si batte contro il nulla per sé e per il suo amore perduto. Nonché dalla grande passione di N per l’esoterismo e tutto ciò ch’è oscuro:


1) SLEEPING TEARS

2) UNDER BLACK ICE

3) GHOST

4) RUINS

5) PAGAN HEARTS

6) SUN

7) TIME’S NEW ROMANCE

8) LIMBO

9) OCCULT YOU

10) THE WONDERER…


Per quanto riguarda me è stata una vera e propria sorpresa, un viaggio di quasi quaranta minuti tra la malinconia, la sofferenza e l’amore, una profondità estrema che decisamente si allontana dal nome del gruppo. Il tutto caratterizzato da un mix tra il gotico ed il rock che incuriosisce ed attrae, basta ascoltare pezzi come Sleeping Tears e Pagan Hearts per credere, senza dimenticare Time’s New Romance e l’intermezzo strumentale Limbo che mi hanno letteralmente conquistata. Grande talento, grande cura nelle sonorità e nei testi e grande capacità di mostrare la loro essenza senza correre il rischio di sembrare “finti”… da ascoltare (e soprattutto vivere)!













mercoledì 10 aprile 2013

Mondo Topless: - "Oh Yeah, Oh No!"


BY NANA ARIMA

Vengono da Latina, hanno scelto un nome che s’ispira al cult movie di Russ Meyer ed un esperienza che parte negli anni ’90 dopo la gavetta nei garage. Questi sono i MONDO TOPLESS!!!

Nel ’94 esce il loro primo album “BEEPOP” inciso presso la Vacation House Records di Rudy Medea. L’album contiene sei brani che conquistano ed incuriosiscono la critica per quel sound molto vintage che mischia il punk ed il rock strizzando però l’occhio anche al pop. Il 1995 invece è l’anno della loro partecipazione al primo festival punk rock di Piacenza, ad Ottobre quella alla compilation di “Urlo” con il brano “KICK HER OUT” (sempre per la Vacation House Records), ed infine esce il loro nuovo album “PUNK ROCK PARTY”.

Un album di 14 tracce che non tradisce né la loro natura e né le aspettative di chi l’ascolta. Tocca però aspettare il 2010 (circa quindici anni dopo) per il loro nuovo EP “OH YEAH OH NO”, cinque tracce che rimandano ad un sound di altri tempi, ma comunque energico e trascinante. Ad esso si accoda un tour in cui i Mondo Topless riproporranno vecchi brani.


OH YEAH, OH NO:
GET IT OFF, GET IT OUT”
HELL TORQUE”
OH NO, OH YEAH”
SMART BOMB”

Quindici anni di attesa, ma direi che n’è valsa davvero la pena. Basta ascoltare già la prima traccia per venire colti da un sound d’altri tempi ma allo stesso tempo modernizzato. Un punk rock che (come suggeriscono) strizza l’occhio ai vecchi Ramones lasciando un velo nostalgico, ma senza fargli abbandonare la loro identità energica ed, a mio avviso, trasportabile anche oltre i confini. Le mie preferite??? “Get it off, get it out” e “Smart Bomb”.

Un ottimo mix di grinta, maturità e buona musica… per i nostalgici e gli intenditori della prima e dell’ultima ora…. stay rock!!!